giovedì, Maggio 30, 2024

Scrivi un articolo

Pulire le zanzariere: guida completa per ogni esigenza

Pulire le zanzariere con metodo e costanza è fondamentale per far si che adempiano al meglio alla loro funzione. Le zanzariere sono infatti un elemento indispensabile da avere nella propria abitazione, permettono di aprire porte e finestre evitando che animali, insetti indesiderati ma anche polveri e pollini contenuti nell’aria, entrino nelle case.

FUNZIONALITÀ E TIPOLOGIE DI ZANZARIERE

È consigliabile ricorrere all’uso delle zanzariere in modo da potersi difendere dalle zanzare e da tutti quegli insetti che riprendono a circolare con il giungere della bella stagione e non solo. Inoltre, sono da considerarsi un vantaggio per l’ambiente e la salute dell’uomo, in quanto consentono un costante ricambio d’aria e un risparmio energetico derivante dall’utilizzo limitato di impianti per il trattamento dell’aria.

La zanzariera è una maglia a trama stretta che può essere realizzata in rete metallica o in tessuto plastico e che spesso, una volta montata su porte o finestre, non ha alcun tipo di impatto visivo. Infatti, permette sia alla luce naturale che all’aria fresca di penetrare in casa.

Esistono diverse tipologie di zanzariere, a seconda delle esigenze e del luogo in cui verranno installate. Tra queste:

  • fisse, consigliabili per tutte quelle aperture da cui non è possibile affacciarsi;
  • a scorrimento laterale, ideali per porte-finestre, solitamente realizzate con intelaiature mobili che consentono di utilizzare ugualmente la porta;
  • a battente, soffietto o ventaglio, scelte in quei casi in cui verranno utilizzate come porte, facili quindi da chiudere e aprire;
  • a rullo, solitamente utilizzate per le finestre. Vengono inserite direttamente nel cassonetto all’interno del quale la maglia si arrotola e srotola grazie a un cordoncino che ne permette il movimento;
  • plissettate, pieghevoli al punto che, proprio come una fisarmonica, riescono a ridurre al minimo l’ingombro;
  • anti polline, adatte a coloro che soffrono di allergie primaverili riescono a tranese fino al 97% dei pollini.

PULIRE LE ZANZARIERE: SUGGERIMENTI E CONSIGLI

Bisogna capire come pulire le zanzariere a seconda del tipo presente nella propria abitazione: le zanzariere possono infatti essere fisse o rimovibili. Oltre a conoscere la tipologia di zanzariera su cui si andrà a effettuare la pulizia bisogna anche comprendere che tipo di sporco si andrà a rimuovere. Trovandosi a stretto contatto con gli agenti atmosferici, possono essere oggetto dell’accumulo di polvere e residui di piogge. Negli angoli, in particolar modo, possono essere soggette all’accumulo di insetti rimasti intrappolati. Risulta quindi fondamentale pulire periodicamente la propria zanzariera in modo da evitare che tutti questi elementi, supportati dal vento, entrino in casa. Inoltre, una manutenzione corretta e costante di questo oggetto, aiuta a farlo durare più a lungo nel tempo.

In ogni caso, indipendentemente dalla tipologia posseduta, si suggerisce di procedere alla pulizia per rimuovere lo sporco presente ogni tre mesi circa. Per quanto riguarda le persone allergiche a polvere o polline, si consiglia di procedere alla pulizia più frequentemente.

Per pulire al meglio le proprie zanzariere, bisogna considerare inoltre due diversi tipi di pulizia: una interna e una esterna.

pulire le zanzariere

COME PULIRE LE ZANZARIERE SENZA SMONTARLE

Si suggerisce di pulire le zanzariere senza smontarle in tutti quei casi in cui rimuoverle dallo spazio in cui sono collocate potrebbe richiedere tempo o conoscenze tecniche.

È bene cominciare la pulizia predisponendo un’area apposita, poggiando sul pavimento della carta di giornale o fogli vari per evitare di sporcare l’interno dell’abitazione.

Per procedere a una pulizia totale e completa della propria zanzariera, prima di ricorrere ad acqua e prodotti vari, è bene rimuovere la polvere presente, ad esempio, con un’aspirapolvere. Si consiglia di procedere delicatamente.

Successivamente, si può procedere alla seconda fase di pulizia, da effettuare con acqua e una soluzione pulente. Si può scegliere se utilizzare aceto, bicarbonato, sapone per i piatti o sgrassatore per disinfettare con cura tutta la superficie della zanzariera. È importante ricordare di diluire tutte le soluzioni in acqua prima di passarle sulla maglia dell’oggetto con un panno.

Terminata la pulizia, procedere con l’asciugatura.

PULIRE LE ZANZARIERE CON ACQUA, ACETO E DETERSIVO

Per pulire efficacemente le zanzariere senza smontarle, si consiglia di usare una soluzione a base di:

  • acqua calda (3l)
  • aceto (un bicchiere)
  • detersivo per piatti (3/4 cucchiai)

Prendere un secchio, versare al suo interno l’acqua, l’aceto e il detersivo e mescolare.

Dopo aver chiuso le tapparelle esterne, aiutarsi con un pennello a setole morbide o una spugna per passare la soluzione ottenuta sulla rete, e lasciare agire per un po’. Procedere poi al risciacquo con un panno umido o una spugna fino a rimuovere completamente i residui di detersivo.

L’aceto è un antibatterico naturale, quindi questa soluzione risulta essere ideale oltre che per pulire, anche per sanificare la propria zanzariera.

PULIRE LE ZANZARIERE CON ACQUA E AMMONIACA

Utilizzare acqua e ammoniaca per pulire le zanzariere è un modo estremamente semplice ed efficace per rimuovere l’accumulo di sporco e residui. Dopo aver indossato dei guanti per proteggere le mani, versare acqua tiepida (3l) e ammoniaca (0,5l) in un secchio.

Immergere poi una spazzola e spazzolare l’intera superficie dall’alto verso il basso fino a completa rimozione dello sporco. È importante non eccedere con la pressione sulla zanzariera durante la pulizia, poiché si rischierebbe la deformazione del telaio.

pulire le zanzariere

COME PULIRE LE ZANZARIERE SMONTANDOLE

Qualora si preferisse invece sapere come pulire le zanzariere dopo averle smontate, bisogna considerare se la maglia è libera dal telaio, caso in cui la pulizia sarà più semplice e veloce, o se invece è contenuta in esso. In questo secondo caso, potrebbe essere richiesto qualche accorgimento in più.

Come suggerito precedentemente, come prima cosa si consiglia innanzitutto di rimuovere la polvere con l’ausilio di un’aspirapolvere.

PULIRE LE ZANZARIERE CON LA PRESSIONE DELL’ACQUA

Dopo aver smontato le proprie zanzariere, si può procedere a pulirle con acqua a forte pressione. Si consiglia di procedere al lavaggio della rete su entrambi i lati. Successivamente, prima di montarle nuovamente, è bene far asciugare il tutto per emanare l’umidità residua.

PULIRE LE ZANZARIERE CON IL VAPORE

Pulire le zanzariere con il vapore è tra i metodi più semplici ed efficaci per ottenere un risultato ottimale. Grazie a questa soluzione, sarà inoltre possibile evitare l’utilizzo di qualsiasi detergente. Dopo aver passato il pulitore a vapore su tutta la superficie della zanzariera, è bene asciugarla con una spugna per rimuovere tutti i residui rimasti.

PULIRE LE ZANZARIERE CON IL COMPRESSORE

È possibile procedere alla pulizia anche con l’ausilio di un compressore. Si consiglia l’utilizzo di questo strumento nel caso in cui la zanzariera posseduta abbia maglia metallica e particolarmente resistente. Il tipo di compressore da utilizzare è quello dotato di pistola con nebulizzatore. Prima di procedere miscelare nel serbatoio acqua e scaglie di sapone di Marsiglia fino a completo scioglimento. Spruzzare poi la soluzione sulla rete e lasciare agire il detersivo. Spruzzare poi solo acqua, e successivamente per asciugare, solo aria.

HAI BISOGNO DI AIUTO?

Non sai che compressori comprare o dove procurarti un pulitore? Ci pensiamo noi.

Vuoi Modificare? Effettua il Login o Registrati!

Categorie